Cosa sono le Rettocele e a chi rivolgersi

Prurito Anale a chi rivolgersi
Cos’è il Prolasso Rettale e a chi rivolgersi
28 Novembre 2020
Tumori Del Retto a chi rivolgersi
Tumori Del Retto a chi rivolgersi
28 Dicembre 2020

Nulla è più disarmante dell’incognito, quando viene diagnosticata una patologia a noi sconosciuta, molto spesso ci si spaventa sentendo nomi che non corrispondono a nulla di conosciuto. Oggi tratteremo l’argomento: Cosa sono le Rettocele e a chi rivolgersi, per avere informazioni di qualità, ci siamo rivolti al Dottor Pricolo!

Cosa sono le Rettocele e a chi rivolgersi, ne parliamo con il Dottor Renato Pricolo

Il Dottor Renato Pricolo è laureato in Medicina e Chirurgia, specializzato in Chirurgia Generale e Chirurgia Vascolare con il massimo dei voti e Proctologo. La sua formazione ha varcato i confini nazionali approfondendo diverse tematiche, nel 1986 si è recato presso la Lahey Clinic di Boston, lavorando in chirurgia epato-pancreatica e colo-rettale. Nel 1990 ha iniziato la chirurgia laparoscopica dopo un periodo di apprendistato presso l’Ospedale St. Roch di Nizza. Ha conseguito un master all’Università degli Studi di Milano in Chirurgia Estetica Morfodinamica. Dal 1988 è Primario di Chirurgia Generale e d’Urgenza presso l’Azienda Ospedaliera di Lodi.

Ricerche e Pubblicazioni Scientifiche

Sono oltre 150 gli articoli scritti nel campo della chirurgia generale e della chirurgia vascolare e della proctologia e molteplici le presenze come relatore in numerosi congressi. Il Dottor Pricolo ha maturato una notevole esperienza in chirurgia generale, vascolare e d’urgenza. Sono infatti oltre 20.000 gli interventi chirurgici condotti, come primo operatore. Grazie alla pratica e all’esperienza accumulate, il Dottor Pricolo è l’ideatore di interventi innovativi nel campo della chirurgia addominale e della chirurgia delle emorroidi e delle cisti pilonidali. Tali tecniche hanno permesso una riduzione del dolore post- operatorio, delle complicanze e una ridotta convalescenza. Specialista in chirurgia vascolare si interessa di flebologia, del trattamento delle vene varicose, dei capillari, della terapia sclerosante.

Richiedi un consulto al 3397767786

Cos’è il rettocele?

Cosa sono le Rettocele e a chi rivolgersi

Un rettocele è un’ernia (rigonfiamento) della parete anteriore del retto, nella parete posteriore della vagina. Il tessuto tra il retto e la vagina è noto come setto rettovaginale e questa struttura può diventare sottile e debole nel tempo, dando luogo a un rettocele. Quando i rettoceli sono piccoli, la maggior parte delle donne non ha sintomi. Un rettocele può essere un reperto isolato o verificarsi come parte di un indebolimento generalizzato dei muscoli del pavimento pelvico. Altri organi pelvici come la vescica (cistocele) e l’intestino tenue (enterocele) possono gonfiarsi nella vagina, portando a sintomi simili a quelli del rettocele.

Cosa causa un rettocele?

La causa esatta di un rettocele è sconosciuta, ma i rettocele sintomatici di solito si verificano in combinazione con l’indebolimento del pavimento pelvico. Ci sono molte cose che possono portare all’indebolimento del pavimento pelvico, tra cui l’età avanzata, più parti vaginali e traumi durante il parto durante il parto vaginale (ad es. Parto con pinza, parto sottovuoto, lacrimazione con parto vaginale ed episiotomia durante il parto vaginale). Inoltre, si ritiene che una storia di stitichezza cronica e tensione eccessiva con i movimenti intestinali giochino un ruolo determinante nello sviluppo di un rettocele. Molteplici interventi ginecologici o rettali possono anche portare all’indebolimento del pavimento pelvico e alla formazione di rettocele.

Cosa sono le Rettocele e a chi rivolgersi? Quali sono i sintomi?

Come notato in precedenza, la maggior parte dei pazienti con un rettocele non ha sintomi. In effetti, a circa il 40% di tutte le donne verrà diagnosticato un rettocele, durante un esame di routine. Quando i sintomi sono presenti, possono essere classificati come rettali o vaginali.

  • I sintomi rettali possono includere: difficoltà con l’evacuazione durante un movimento intestinale e la necessità di premere contro la parete posteriore della vagina e / o lo spazio tra il retto e la vagina (corpo perineale) per avere un movimento intestinale. 
  • I sintomi vaginali possono includere la sensazione di rigonfiamento o pienezza nella vagina, tessuto che sporge dalla vagina, disagio durante i rapporti sessuali e sanguinamento vaginale.

I rettoceli sintomatici possono portare a sforzi eccessivi con i movimenti intestinali, la necessità di avere più movimenti intestinali durante il giorno e fastidio rettale. Può verificarsi incontinenza fecale o sbavature poiché piccoli pezzi di feci possono essere trattenuti in un rettocele (intrappolamento delle feci), solo per poi fuoriuscire dall’ano. Un significativo intrappolamento delle feci può anche provocare un aumento del senso di necessità di movimento intestinale, poiché le feci bloccate nel rettocele ritorna nel retto inferiore quando il paziente si alza, dando così al paziente la necessità di defecare di nuovo.

Chiama il Dottor Pricolo al 3397767786!

Come si diagnostica un rettocele? 

Come si diagnostica un rettocele? 

L’esame della regione pelvica include tipicamente sia un esame vaginale che rettale. Questo spesso include un esame bimanuale o speculare. Inoltre, verrà eseguito un esame rettale digitale che di solito dimostra una debolezza nella parete anteriore del retto (il lato più vicino alla vagina). Una speciale radiografia, chiamata defecografia, può anche visualizzare e confermare un rettocele. 

Svolgimento

Durante questo esame, il paziente si siederà e gli verrà chiesto di defecare su un comodino appositamente progettato dopo che il materiale di contrasto è stato instillato nel retto, nella vagina e nella vescica. Se è presente un rettocele, questo studio può documentare le dimensioni e la capacità di svuotare completamente il retto. In generale, se il rettocele è più grande di 2 centimetri e/o ha una significativa ritenzione di contrasto, è considerato anormale.

Quando si tratta un rettocele? 

Un rettocele dovrebbe essere trattato solo se si hanno sintomi significativi che interferiscono con la qualità della vita. Prima di qualsiasi trattamento, dovrebbe esserci una valutazione approfondita da parte del medico. Esistono opzioni di trattamento sia medico che chirurgico per i rettoceli. La maggior parte dei sintomi associati a un rettocele può essere risolta con la gestione medica; tuttavia, il trattamento dipende dalla gravità dei sintomi. Il trattamento chirurgico è riservato solo ai casi più gravi di rettocele sintomatico. 

Contattaci 3397767786!

Cosa sono le Rettocele e a chi rivolgersi. Trattamenti non chirurgici

Cosa sono le Rettocele e a chi rivolgersi. Trattamenti non chirurgici

La maggioranza dei sintomi di un paziente associati a un rettocele può essere gestita efficacemente senza intervento chirurgico. È molto importante avere un buon regime intestinale per evitare la stitichezza e lo sforzo con i movimenti intestinali. 

  • Una dieta ricca di fibre di oltre 25 grammi al giorno può aiutare a raggiungere questo obiettivo. Ciò può essere ottenuto con un integratore di fibre, cereali ricchi di fibre o barrette ad alto contenuto di fibre. 
  • Bere molto. Un individuo dovrebbe anche aumentare la sua assunzione di acqua, con 6-8 bicchieri da 300 ml al giorno. 

La combinazione di fibre e acqua consentirà feci più morbide e voluminose che non richiedono uno sforzo significativo con i movimenti intestinali, riducendo così il rischio di avere un rettocele sintomatico. Occasionalmente sono consigliati anche ammorbidenti per le feci. Durante i movimenti intestinali, è importante evitare di sforzarsi, quindi, se non hai voglia di defecare, non forzare la defecazione. Inoltre, è sempre importante evitare lunghi periodi di seduta sul water.

  • Il biofeedback, si riferisce agli esercizi che si eseguono con un fisioterapista per rafforzare e riqualificare il pavimento pelvico e può anche ridurre i sintomi di un rettocele. 

Trattamento chirurgico

La gestione chirurgica dei rettoceli deve essere eseguita solo se si continuano ad avere sintomi nonostante l’uso di misure conservative come fibre, acqua e rinforzo del pavimento pelvico. Questi sintomi dovrebbero essere sufficientemente significativi da interferire con le tue attività quotidiane, il che significa che non puoi fare comodamente le cose che fai di solito su base quotidiana. Chirurghi colorettali, ginecologi e uroginecologi sono formati nella diagnosi e nel trattamento di questa condizione. 

Tipologie di intervento chirurgico

  • Transanalmente (attraverso l’ano), attraverso il perineo (lo spazio tra l’ano e la vagina) e attraverso la vagina. Tutti questi mirano a rimuovere il tessuto extra che costituisce il rettocele e rinforzare il setto rettovaginale (il tessuto tra il retto e la vagina). Questo può essere fatto mediante plicatura (cucendo insieme il tessuto). Occasionalmente, la rete (un materiale protesico o un cerotto) può essere utilizzata per rinforzare la riparazione. 
  • Tecnica STARR, utilizza uno speciale dispositivo di pinzatura che rimuove il tessuto ridondante e lo fissa insieme allo stesso tempo. Questa tecnica deve essere utilizzata solo se un paziente ha altri problemi come la defecazione ostruttiva o il prolasso della mucosa (tessuto rettale che sporge dall’ano). 
  • Laparoscopia. Un rettocele può anche essere riparato attraverso l’addome, per via laparoscopica o aperta. Questo approccio si è dimostrato sicuro ed efficace, ma potrebbe non esserci alcun vantaggio rispetto ad altri tipi di riparazione dei rettocele. L’approccio dipenderà dalle dimensioni del rettocele e dai sintomi associati al rettocele.

Conclusione

Da quanto abbiamo scritto, speriamo di aver contribuito a rispondere alla domanda iniziale: Cosa sono le Rettocele e a chi rivolgersi. Il Dottor Renato Pricolo, ricorda che ogni caso è unico e richiede opportuna ed accurata valutazione clinica. Grazie alla sua vasta esperienza può valutare e consigliare la soluzione più idonea alla vostra situazione. Se siete di Milano e state cercando un Proctologo, chiamate il Dottor Pricolo al numero 3397767786, oppure inviate una mail con le vostre richieste a: renato.pricolo@libero.it.

Telefono
Whatsapp
Email