Cos’è il Prolasso Rettale e a chi rivolgersi

Prurito Anale a chi rivolgersi?
Cosa sono polipi e ragadi anali e a chi rivolgersi
26 Novembre 2020
Cosa sono le Rettocele e a chi rivolgersi
Cosa sono le Rettocele e a chi rivolgersi
4 Dicembre 2020

Il prolasso rettale non è fortunatamente comune, colpisce circa 2,5 persone su 100.000. Tuttavia, è essenziale conoscere i segni e i sintomi, poiché la maggior parte di questi casi sono donne di età superiore ai 50 anni. Dunque cos’è il prolasso rettale e a chi rivolgersi? Ne parleremo in questo approfondimento.

Cos’è il Prolasso Rettale e a chi rivolgersi, ne parliamo con il Dottor Pricolo!

Il Dottor Renato Pricolo è laureato in Medicina e Chirurgia e specializzato in Chirurgia Generale e Chirurgia Vascolare con il massimo dei voti, Proctologo. La sua formazione ha varcato i confini nazionali approfondendo diverse tematiche, nel 1986 si è recato presso la Lahey Clinic di Boston, lavorando in chirurgia epato-pancreatica e colo-rettale. Nel 1990 ha iniziato la chirurgia laparoscopica dopo un periodo di apprendistato presso l’Ospedale St. Roch di Nizza. Ha conseguito un master all’Università degli Studi di Milano in Chirurgia Estetica Morfodinamica. Dal 1988 è Primario di Chirurgia Generale e d’Urgenza presso l’Azienda Ospedaliera di Lodi.

Ricerche e Pubblicazioni Scientifiche

Sono oltre 150 gli articoli scritti nel campo della chirurgia generale e della chirurgia vascolare e della proctologia e molteplici le presenze come relatore in numerosi congressi. Il Dottor Pricolo ha maturato una notevole esperienza in chirurgia generale, vascolare e d’urgenza. Sono infatti oltre 20.000 gli interventi chirurgici condotti, come primo operatore. Grazie alla pratica e all’esperienza accumulate, il Dottor Pricolo è l’ideatore di interventi innovativi nel campo della chirurgia addominale e della chirurgia delle emorroidi e delle cisti pilonidali. Tali tecniche hanno permesso una riduzione del dolore post-operatorio, delle complicanze e una ridotta convalescenza. Specialista in chirurgia vascolare si interessa di flebologia, del trattamento delle vene varicose, dei capillari, della terapia sclerosante.

Richiedi un consulto al 3397767786

Cos’è il Prolasso Rettale?

Cos’è il Prolasso Rettale e a chi rivolgersi

Il termine medico “prolasso” deriva dal latino prolabi, che significa letteralmente “cadere” e si riferisce a quando un organo cade o scivola fuori posto e non si trova più dove dovrebbe essere. Quando si verifica un prolasso rettale, il retto inizia a farsi strada lentamente attraverso l’ano e, nei casi più gravi, il retto può farsi strada ed essere visibile esternamente. Di solito, il retto è l’ultima parte dell’intestino crasso e rimane saldamente attaccato, a meno che non ci sia un caso di prolasso. 

Sintomi e complicazioni

I sintomi iniziano a manifestarsi gradualmente, una delle prime cose che un paziente affetto da prolasso potrebbe sentire è un rigonfiamento vicino all’apertura dell’ano. Quando il soggetto si siede può provare la sensazione di “essere seduto su una palla” e questo indipendentemente da dove è seduto e dal tipo di materiale su cui è seduto. Chi sperimenta  un prolasso rettale, può vedere un rigonfiamento bruno-rossastro che si estende dall’ano. Potreste anche vederlo emergere dalla cavità anale e tornare nella cavità dopo il movimento intestinale. Questo è un segno piuttosto indicativo di un prolasso. 

Cos’è il Prolasso Rettale e a chi rivolgersi? Per maggiori informazioni chiama ora il 3397767786

Attenzione!

Se il prolasso peggiora e non si cerca aiuto, il retto può emergere durante l’attività fisica o anche la normale attività quotidiana, come camminare, scendere o salire una rampa di scale. Inizialmente potreste essere in grado di riportare il retto nella sua posizione, ma nel tempo, diventerà più difficile e la salute sarà a maggior rischio. Man mano che il prolasso peggiora, potreste provare stitichezza o incontinenza fecale, a seconda del tipo di prolasso che è.

Tipi di prolasso

Esistono tre tipi distinti di prolasso rettale che variano in gravità:

  • Interno: il retto è caduto ed è considerato un prolasso perché si è spostato, ma non è stato spinto attraverso l’ano.
  • Parziale: solo una parte del retto si è spostata nell’ano.
  • Completo: l’intero retto si estende attraverso l’ano (più grave).

Cause, fattori di rischio

I medici non sono sempre in grado di individuare il motivo per cui alcuni pazienti soffrono di prolasso rettale e altri no. Tuttavia, ci sono alcune cause specifiche in alcuni pazienti. La gravidanza può essere una causa in alcuni pazienti. Poiché la gravidanza abbassa il pavimento pelvico, in alcuni pazienti questo può causare prolasso rettale. Inoltre, alcuni pazienti possono sforzarsi mentre spingono durante il travaglio e il parto. Allo stesso modo, chi soffre di stitichezza, sforzandosi regolarmente durante i movimenti intestinali, può predisporsi, ora o più tardi nella vita, a un prolasso rettale.

Dubbi sulla tua condizione? Chiama il Dottor Pricolo al 3397767786!

Il prolasso, le donne e altre cause

Il prolasso, le donne e altre cause

Come accennato le donne sopra i 50 anni hanno una probabilità, sei volte maggiore, di sviluppare un prolasso rettale. Ciò è dovuto alla debolezza generale del pavimento pelvico. Inoltre, le condizioni che ti fanno tossire molto, come la bronchite cronica, possono essere un precursore del prolasso rettale. Alcune condizioni sono anche correlate ai prolassi rettali, come la sclerosi multipla (SM), i tumori spinali, la malattia del disco lombare o qualsiasi tipo di lesione al bacino o alla parte bassa della schiena. 

I fattori che potrebbero metterti a rischio di prolasso rettale, diversi dall’età, includono: 

  • Malattia polmonare ostruttiva cronica.
  • Fibrosi cistica.
  • Isterectomia.
  • Diabete.
  • Infezioni parassitarie.
  • Sfintere anale indebolito.

È improbabile che i bambini soffrano di prolasso rettale, ma è possibile, in particolare se soffrono anche di una malattia o condizioni correlate.

Prolasso rettale vs. Emorroidi

Prima abbiamo detto che il prolasso rettale è raro, ma le emorroidi non lo sono. Ovviamente dalla prospettiva del paziente, considerando il suo angolo di visione, può essere difficile capire se si tratta di emorroidi o di prolasso. Andare dal medico curante per una valutazione è molto importante. Entrambe queste condizioni possono essere molto dolorose, tuttavia, le emorroidi possono spesso essere trattate con farmaci da banco. La cosa migliore da fare in questo caso, è fissare un appuntamento con il medico, così da poter ricevere il trattamento adeguato, che si tratti di prolasso o emorroidi. 

Chiama ora il 3397767786

Trattamento e procedure

Trattamento e procedure

L’unico modo per trattare efficacemente un prolasso rettale è attraverso la chirurgia. Questo è in parte il motivo per cui il medico può decidere di ritardare il trattamento, all’inizio, se i sintomi del prolasso sono lievi . Ci sono due modi per eseguire l’intervento chirurgico per rimettere a posto il retto. Il chirurgo può eseguire attraverso l’addome (chirurgia a cielo aperto o per via laparoscopica) e il retto viene riportato in posizione oppure il chirurgo può eseguire attraverso l’ano. Questa è una seconda opzione per coloro che non possono avere un intervento chirurgico addominale. Questo intervento può essere eseguito solo utilizzando chirurgia aperta. Il chirurgo rimuoverà una parte del retto, sostituita e riattaccata all’intestino crasso per riparare il prolasso

Tipi di chirurgia del prolasso rettale:

  • Riparazione del prolasso rettale attraverso l’addome

Usando un’incisione nell’addome, il chirurgo rimette in posizione il retto. Usando punti di sutura o un’imbracatura a rete, ancora il retto alla parete posteriore del bacino (sacro). In alcuni casi, come una lunga storia di stitichezza, il chirurgo rimuove una parte del colon.

  • Chirurgia laparoscopica del prolasso rettale 

Anch’essa eseguita attraverso l’addome, questa procedura utilizza diverse incisioni più piccole. Il chirurgo inserisce speciali strumenti chirurgici e una minuscola telecamera attraverso le incisioni addominali per riparare il prolasso rettale. Un approccio robotico emergente utilizza un robot per eseguire l’operazione.

  • Riparazione del prolasso rettale attraverso l’area intorno all’ano (rettosigmoidectomia perineale). 

Durante la forma più comunemente eseguita di questa procedura (procedura Altemeier), il chirurgo tira il retto attraverso l’ano, rimuove una parte del retto e del sigma e collega il retto rimanente all’intestino crasso (colon). Questa riparazione è in genere riservata a coloro che non sono candidati per la riparazione aperta o laparoscopica. Un altro metodo per riparare un prolasso rettale attraverso il perineo (procedura Delorme) è più tipicamente eseguito per prolassi brevi. Il rivestimento del retto viene rimosso e lo strato muscolare piegato per accorciare il retto.

Conclusioni

Da quanto abbiamo scritto, speriamo di aver contribuito a rispondere alla domanda iniziale: cos’è il Prolasso Rettale e a chi rivolgersi. Il Dottor Renato Pricolo, ricorda che ogni caso è unico e richiede opportuna ed accurata valutazione clinica. Grazie alla sua vasta esperienza può valutare e consigliare la soluzione più idonea alla vostra situazione.

Se siete di Milano e state cercando un Proctologo, chiamate il Dottor Pricolo al numero 3397767786 oppure inviate una mail con le vostre richieste a: renato.pricolo@libero.it.

Telefono
Whatsapp
Email