Prurito Anale a chi rivolgersi

Dolore Anale
Dolore Anale a chi rivolgersi
18 Gennaio 2021
Cosa sono le secrezioni anali
Cosa sono le secrezioni anali a chi rivolgersi
29 Gennaio 2021

Oggi tratteremo un tema fastidioso e imbarazzante: prurito anale a chi rivolgersi? Molte persone si sentono in imbarazzo a cercare aiuto, ma il prurito in questa parte del corpo è un problema comune e i trattamenti a disposizione possono risolverlo. Per trattare l’argomento ci siamo rivolti al Dottor Pricolo, proctologo di fama internazionale!

Prurito Anale a chi rivolgersi, ne parliamo con il Dottor Pricolo!

Il Dottor Renato Pricolo è laureato in Medicina e Chirurgia e specializzato in Chirurgia Generale e Chirurgia Vascolare con il massimo dei voti, Proctologo. La sua formazione ha varcato i confini nazionali approfondendo diverse tematiche, nel 1986 si è recato presso la Lahey Clinic di Boston, lavorando in chirurgia epato-pancreatica e colo-rettale. Nel 1990 ha iniziato la chirurgia laparoscopica dopo un periodo di apprendistato presso l’Ospedale St. Roch di Nizza. Ha conseguito un master all’Università degli Studi di Milano in Chirurgia Estetica Morfodinamica. Dal 1988 è Primario di Chirurgia Generale e d’Urgenza presso l’Azienda Ospedaliera di Lodi.

Ricerche e Pubblicazioni Scientifiche

Sono oltre 150 gli articoli scritti nel campo della chirurgia generale e della chirurgia vascolare e della proctologia e molteplici le presenze come relatore in numerosi congressi. Il Dottor Pricolo ha maturato una notevole esperienza in chirurgia generale, vascolare e d’urgenza. Sono infatti oltre 20.000 gli interventi chirurgici condotti, come primo operatore. Grazie alla pratica e all’esperienza accumulate, il Dottor Pricolo è l’ideatore di interventi innovativi nel campo della chirurgia addominale e della chirurgia delle emorroidi e delle cisti pilonidali. Tali tecniche hanno permesso una riduzione del dolore post- operatorio, delle complicanze e una ridotta convalescenza. Specialista in chirurgia vascolare si interessa di flebologia, del trattamento delle vene varicose, dei capillari, della terapia sclerosante.

Vuoi chiedere un consulto? Chiama il Dottore al 3397767786

Prurito Anale a chi rivolgersi

Le cause del prurito anale

Le cause del prurito anale possono essere primarie, il che significa che non vi è alcun segno di un’altra condizione, o secondarie, il che significa che esiste una causa sottostante identificabile. Esistono diverse possibilità che concorrono al prurito anale, tra cui:

  • Igiene: lavare troppo o troppo poco può causare irritazione.
  • Cosmetici: saponi e altri prodotti possono irritare la pelle.
  • Condizioni della pelle: la dermatite e la psoriasi possono causare prurito.
  • Disturbi anali o rettali: gli esempi includono condizioni come emorroidi , fistole anali e ragadi anali.
  • Infezioni: le infezioni a trasmissione sessuale, in particolare quelle che coinvolgono i parassiti, possono causare prurito.
  • Condizioni sistemiche: alcune condizioni che colpiscono l’intero corpo possono causare prurito, tra cui anemia, diabete, malattie infiammatorie intestinali, ittero, leucemia, linfoma e malattie della tiroide.
  • Incontinenza: questa condizione può rendere difficile il controllo dell’umidità e dei batteri.
  • Alimenti: irritanti dietetici includono peperoncino.
  • Farmaci: il prurito può essere un effetto collaterale della chemioterapia, della colchicina, della neomicina e dei corticosteroidi.

Cause dietetiche

Anche gli alimenti possono contribuire al prurito anale, quindi bisogna stare particolarmente attenti ed evitare:

  • Bevande contenenti caffeina.
  • Alcol.
  • Latticini.
  • Arachidi.
  • Spezie.
  • Agrumi.
  • Pomodoro.
  • Cioccolato.

Tuttavia, non ci sono prove che evitare un alimento specifico aiuti a ridurre il prurito.

Per maggiori informazioni chiama ora il 3397767786

Prurito Anale

Cause dermatologiche

L’irritazione della pelle deriva da vari fattori, ad esempio:

  • Il prolungato contatto con le feci, come con scarsa igiene, incontinenza fecale, possono portare a un aumento della sudorazione, ad esempio quando fa caldo.
  • Una diarrea persistente può indurre a una maggiore pulizia, con conseguenti irritazioni, eczema, psoriasi e dermatite idiopatica.
  • Cicatrici cheloidi, costituite da tessuto cicatriziale duro e liscio.
  • Scabbia, un’eruzione cutanea molto pruriginosa causata da un acaro microscopico dermatite allergica o da contatto, che può divampare dopo l’uso di determinati prodotti.
  • Infezioni da lieviti, come il mughetto.
  • Infezioni batteriche della pelle.
  • Virus come il papillomavirus umano (HPV), che può portare a verruche genitali.
  • Parassiti, come ossiuri e anchilostomi.
  • Piccole etichette cutanee, che possono intrappolare l’umidità e rendere difficile la pulizia dell’area.
  • Proctite, che è l’infiammazione del rivestimento interno del retto.

Cause gastroenterologiche (intestinali)

A volte, un problema con il sistema gastrointestinale può causare prurito. I potenziali problemi includono:

  • Emorroidi.
  • Cancro anale.
  • Condizioni che coinvolgono la diarrea, inclusa la sindrome dell’intestino irritabile, il morbo di Crohn e la colite ulcerosa.

Per maggiori informazioni o per prenotare una visita, chiama ora il 3397767786

Cause sistemiche

Alcune condizioni che colpiscono tutto il corpo possono comportare prurito anale. Esempi di queste condizioni includono:

  • Diabete.
  • Malattia del fegato.
  • Problemi alla tiroide.
  • Tumori del sangue.
  • Anemia.
  • Malattie autoimmuni.

Fattori psicologici

Prurito Anale con chi parlare?Le cause psicologiche a volte possono innescare il prurito anale. A sua volta, questo sintomo può portare ad ansia, stress e depressione. In alcuni casi, una persona potrebbe avere problemi a dormire.

Prurito anale a chi rivolgersi! Continua a scoprirlo e se hai bisogno di uno specialista, chiama il Dottor Pricolo al 3397767786!

A chi rivolgersi per la Diagnosi!?

Il medico di base o un altro operatore sanitario può diagnosticare questa condizione e raccomandare un trattamento efficace. Indubbiamente lo specialista di riferimento per questo problema è un Proctologo o chirurgo colorettale. Il Proctologo è un medico specializzato nella diagnosi e nel trattamento delle malattie del tratto gastrointestinale. I chirurghi del colon-retto, o chirurgia del colon e del retto, eseguono test di screening e diagnostici, tra cui ultrasuoni, colonscopie e sigmoidoscopie flessibili. Chiunque soffra di prurito persistente dovrebbe consultare un medico, per identificare la causa. 

Cosa vi chiederà e come visiterà il medico?

Il medico durante la visita vi chiederà:

  • Da quanto tempo è presente il prurito.
  • Cosa lo rende peggiore o migliore.
  • Fattori dello stile di vita, tra cui dieta, pratiche igieniche e viaggi recenti.
  • La gravità del prurito e il suo impatto sulla vita della persona.
  • Altre informazioni che possono aiutarli a identificare la causa includono:
    • Storia medica passata. In particolare, qualsiasi storia di chirurgia ano rettale, emorroidi o diabete.
    • la presenza di incontinenza urinaria o fecale.
    • altri segni e sintomi, come sanguinamento o crampi allo stomaco.

Prurito Anale a chi rivolgersi?

A questo punto il medico eseguirà un esame fisico, ricercando segni di:

  • Pelle screpolata o altri sintomi della pelle.
  • Infiammazione.
  • Sanguinamento intorno alla zona anale.
  • Gonfiori che potrebbero indicare emorroidi.
  • Infezione.
  • Lesioni cutanee anormali, come etichette della pelle o verruche.
  • Fessure o fistole.

Il medico può eseguire un esame interno chiamato esame rettale digitale. Il medico inserirà un dito guantato e lubrificato attraverso l’ano nel retto. Questa procedura può aiutare a identificare alcuni problemi che richiedono un’ulteriore valutazione, come:

  • Emorroidi.
  • Sanguinamento rettale.
  • Masse rettali.
  • Ulcerazioni.

Per maggiori informazioni chiama ora il 3397767786

In alcuni casi, il medico può anche raccomandare test di laboratorio, come:

  • Tamponi per verificare la presenza di un’infezione.
  • Una biopsia , se sono presenti alterazioni cutanee o di altro tipo.
  • Una coltura delle feci se la diarrea è un sintomo.
  • Esami del sangue per escludere condizioni sistemiche, come malattie del fegato.

Prurito Anale a chi rivolgersi, la classificazione del prurito!

Scala del prurito

Per dare un metro di valutazione al prurito è stata realizzato uno schema riassuntivo per definire il livello di prurito. Sono state classificate quattro fasi di prurito anale primario:

  • 0: la pelle è normale.
  • 1: la pelle è arrossata e infiammata.
  • 2: la pelle è ispessita.
  • 3: la pelle è ispessita con creste grossolane e ulcere.

I trattamenti disponibili

Alcuni consigli pratici possono aiutare a trattare e prevenire il prurito anale. Soprattutto a casa, le persone possono prendere provvedimenti per gestire efficacemente il prurito. I rimedi casalinghi che suggeriamo sono:

  • Evitare le sostanze irritanti note.
  • Mantenere pulita la zona anale e lavarsi dopo aver svuotato l’intestino.
  • Lavare con semplice acqua tiepida, asciugare bene la zona e utilizzare una crema o emolliente come barriera.
  • Asciugare la zona anale tamponando, non sfregando!
  • Applicare una polvere inodore (talco) per mantenere l’area asciutta.
  • Mangiare molta fibra per promuovere i movimenti intestinali regolari.
  • Evitare cibi molto conditi e speziati.
  • Evitare saponi medicati, profumati o deodoranti.
  • Usare salviette invece di carta.
  • Evitare di graffiare la zona.
  • Evitare di sforzarsi quando si usa il bagno.
  • Indossare guanti di cotone quando si dorme per evitare danni alla pelle dovuti a graffi inconsci.
  • Indossare biancheria intima di cotone ampia e traspirante.
  • Evitare di indossare biancheria intima di notte.
  • Evitare indumenti in acrilico e nylon, poiché possono trattenere il sudore.
  • mantenere le unghie corte e pulite.
  • Lenire la pelle irritata immergendo batuffoli di cotone in acqua fredda e applicandoli sulla zona interessata.

Per maggiori informazioni chiama ora il 3397767786

Farmaci

Trattamenti disponibili

I seguenti trattamenti possono essere disponibili presso le farmacie con o senza prescrizione medica:

  • Unguenti lenitivi, soprattutto quelli a base di ossido di zinco, possono alleviare i sintomi.
  • I corticosteroidi possono ridurre l’infiammazione.
  • Emollienti e creme barriera, come gel idrossido di alluminio, burro di cacao e glicerina, formano una barriera fisica per proteggere la pelle.
  • I trattamenti per le emorroidi, come l’idrocortisone, possono aiutare.

Le persone devono applicare le creme sulla pelle pulita e asciutta, di notte, al mattino e dopo un movimento intestinale. È meglio applicare uno strato sottile di steroidi topici. Le persone dovrebbero limitare il loro utilizzo a due applicazioni al giorno per non più di 7 giorni. In alcuni casi, un medico può prescrivere antistaminici orali.

Il prurito anale è un problema comune. Cambiare stile di vita o assumere farmaci da banco, possono risolverlo. Se il trattamento non risolve il prurito entro 3-6 settimane , il medico può indirizzare la persona a uno specialista, il Proctologo.

Conclusioni

Quindi, da quanto abbiamo scritto, speriamo di aver contribuito a rispondere alla domanda iniziale: prurito anale a chi rivolgersi. Il Dottor Renato Pricolo, ricorda che ogni caso è unico e richiede opportuna ed accurata valutazione clinica. Grazie alla sua vasta esperienza può valutare e consigliare la soluzione più idonea alla vostra situazione. 

Se siete di Milano e state cercando un Proctologo, chiamate il Dottor Pricolo al numero 3397767786 oppure inviate una mail con le vostre richieste a: renato.pricolo@libero.it.

Telefono
Whatsapp
Email